Implantologia “All on 4”

L’implantologia all on 4 è la nuova frontiera della protesi implantare a carico immediato: consente di eseguire una protesi dentale fissa totale (ovvero che sostituisce tutti i denti di un’arcata, superiore e/o inferiore) con l’inserimento di soli quattro impianti.

Fino a 10 anni fa il paziente che aveva perso tutti i denti era costretto a portare una protesi dentale mobile (ovvero la classica dentiera) ma da oggi, grazie alla tecnica all on four, è possibile donare al paziente un nuovo sorriso, con risultati estetici, funzionali e di comfort eccellenti. La protesi all-on-4 è fissa, ovvero ancorata agli impianti, quindi il paziente non la dovrà togliere per l’igiene di routine; sarà come avere di nuovo i propri denti.

Gli impianti in titanio sono simili a piccole viti e vengono posizionati tutti nella stessa seduta.

L’operazione non è affatto dolorosa grazie all’anestesia locale (che è la stessa che viene eseguita per le estrazioni), dura circa 1 ora e mezza e dal giorno dopo è possibile riprendere tutte le attività ordinarie.

L’implantologia all-on-four è stata ideata dal Dr. Malò e prevede l’inserimento strategico di 4 impianti inclinati nelle zone meno soggette al normale riassorbimento osseo che colpisce i pazienti che hanno perso i denti; prima dell’intervento deve essere effettuata la visita clinica del chirurgo odontoiatra e lo studio radiografico dei mascellari che consente di identificare le zone più adatte ad accogliere gli impianti.

Un’importante caratteristica della tecnica all on 4 è che sfrutta l’implantologia a carico immediato ovvero immediatamente dopo l’intervento di implantologia al paziente viene cementata (o avvitata) la protesi fissa agli impianti appena posizionati; il paziente uscirà dallo studio odontoiatrico già con i denti che, seppur provvisori, avranno un’estetica più che soddisfacente e consentiranno al paziente di avere un prospetto di quello che sarà il suo nuovo sorriso. Con la metodica classica invece il paziente era costretto ad aspettare dai 3 ai 6 mesi prima di poter ancorare la protesi agli impianti.
La tecnica all on 6 riguarda prevalentemente l’arcata superiore, in quanto l’osso mascellare ha un osso più morbido (per la predominanza dell’osso spongioso), per cui spesso due impianti in più danno una garanzia di durata ed affidabilità della riabilitazione maggiore nel tempo.

Il paziente uscirà dallo studio odontoiatrico già con i denti

 

La riabilitazione implantologica computer guidata è una tecnica che sfrutta le potenzialità digitali dei computer e dei sistemi di fresaggio cad-cam. Il paziente viene sottoposto ad una TAC digitale, indossando in bocca una speciale mascherina: sulle immagini TAC visualizzate sul computer si possono virtualmente provare gli impianti sull’osso del paziente, decidendone posizione, numero e dimensione. Decisi questi parametri, sarà possibile costruire una mascherina personalizzata sul paziente, che verrà utilizzata il giorno dell’intervento, e che guiderà l’implantologo nel posizionare gli impianti nell’esatta posizione studiata con la TAC, addirittura senza dover incidere la gengiva. E’ una procedura che rende più rapida la seduta chirurgica, e particolarmente adatta ai pazienti che hanno problemi di coagulazione a causa di terapie farmacologiche (coumadin per esempio).

 

La riabilitazione implantologica computer guidata permette di eseguire interventi senza tagli sulla gengiva, in tempi davvero rapidi e con minimi disagi post- intervento.